La grafologia evolutiva verso il futuro
13/11/2017
Wellness psicologico e benessere ottimale
15/11/2017

Noi siamo il frutto del nostro passato, delle nostre esperienze vissute e delle nostre scelte, ma non sempre questo passato può definirsi una libera scelta del soggetto.

Può capitare che circostanze avverse della vita ed episodi personali negativi possano bloccarci, farci diventare insicuri nelle scelte e non farci riconoscere nuove brillanti opportunità.

Può anche capitare che le catene alla nostra voglie di essere e di fare siano state messe dalla nostra famiglia, a suo dire per il nostro bene ma io ritengo sempre essere un interesse della famiglia che con noi probabilmente nulla aveva a che fare, ma viene imposto ugualmente e se proviamo a contestare tali metodi scattano tutte le ritorsioni ed i richiami alla responsabilità che portano sensi di colpa e di crisi personali, quindi ci arrendiamo pensando che tali catene non possano essere recise.

Tutto ciò che appartiene al passato non può essere modificato, ma può essere di esempio e di aiuto a comprendere se davvero volgiamo mantenere lo stesso stile nel futuro.

Dal passato dobbiamo imparare e selezionare ciò che per noi è positivo o negativo e quest’ultimo eliminato o rimosso.

Non è facile rompere col passato o prenderne le distanze perche spesso comporta entrare in guerra ed in collisione con la famiglia e tutti coloro che per noi avevano preventivato un certo tipo di futuro e di scelte.

Ma se effettivamente queste scelte non ci appartengono dobbiamo prenderne le distanze, si tratta della nostra vita e del nostro futuro che non può vedere compromessi.

Sarà difficile e doloroso, ma come ogni cosa che si conquista con la fatica ed il coraggio costa in termini emotivi ma ci ripaga mille volte in termini non solo emotivi ma anche di benessere, soddisfazione e felicità.

 

La paura di fallire

 

La prima a frenarci è la paura di fallire, sappiamo ciò che lasciamo ma ciò che ci aspetta è completamente ignoto, aleatorio ed impossibile da preventivare.

Però non dobbiamo valutare la nostra serenità o felicità in termini pratici, ma in termini emotivi, di soddisfazione, di riuscita e di conquista.

Probabilmente le nostre condizioni potrebbero peggiorare e perdere tutti i vantaggi ed i benefit di una vita comoda al servizio del desiderio degli altri, ma potremmo guadagnarci in indipendenza, autonomia, autostima, compiacimento e la voglia di realizzare un futuro tutto nostro così come lo vorremmo.

A volte, la paura di fallire è così forte che non riusciamo nemmeno a fare il passo iniziale: che ne sarebbe di noi se, per esempio, cambiamo lavoro, cambiamo casa, dobbiamo contare soltanto sulle nostre risorse?

Quel che succede è che dentro di noi e nella nostra mente si muoverà un meccanismo che è rimasto assopito e dormiente sino al momento in cui davvero ci diamo una mossa e decidiamo di fare il primo passo.

Incominceremo a sviluppare l’invettiva, l’istinto di sopravvivenza e di adattamento, istinti che ci porteranno sicuramente a sopravvivere anche nelle situazioni peggiori, perché ne siamo capaci solo che non ci siamo mai messi alla prova ed in tal senso non ci siamo mai misurati.

Ma l’uomo e la sua psiche sono fatti per sopravvivere a qualunque evento, anche quello più drammatico, quindi armatevi di coraggio e rompete le catene che vi tengono legate ed imparate a vivere.

Sono moltissimi i fattori che si combinano tra loro quando dobbiamo prendere una decisione e rompere quelle catene che ci avvinghiano: l’insicurezza, la paura, l’incertezza, la mancanza di fiducia in noi stessi, il timore di fallire, di non farcela di ritrovarci da soli.

Sono tutte paure legittime e naturali, ma vi assicuro che spesso con le prime soddisfazioni tendono a scomparire per lasciare il posto all’orgoglio e la gratificazione di avere osato ed ottenuto ciò che prima temavamo.

Come affermò Albert Einstein, la paura di fallire ci impedirà di tentare qualsivoglia azione e ci porterà a fare sempre le stesse cose desiderando dei risultati differenti. T

uttavia, se veramente vogliamo raggiungere la felicità e vivere la vita come noi desideriamo, dobbiamo cominciare ad avere più fiducia in noi stessi, dobbiamo volerci bene e dobbiamo sentire che, non solo siamo perfettamente in grado di fare ciò che vogliamo, ma anche che ce lo meritiamo pienamente.

 

Rompere le catene

 

Soffermatevi per un momento a pensare a tutte le volte in cui delle opportunità interessanti sono venute a bussare alla vostra porta. Perché non le avete colte al volo se veramente le desideravate? Non era il momento oppure abbiamo abdicato per far contento qualcun altro, che magari su di noi aveva già programmi diversi e ben pianificati.

Che ne sarà di voi in un futuro prossimo se continuerete sulla strada che non vi appartiene? Provate a pensarlo e a visualizzarlo. Se l’immagine che si forma nella vostra mente non è di vostro gradimento, dovete cominciare a muovervi e a scrollarvi di dosso quelle catene che vi tengono prigionieri, per ottenere il futuro che davvero vi meritate.

Senz’altro, la fiducia in voi stessi sarà il primo valore che dovrete sviluppare: tutti disponiamo di una serie di talenti e capacità che ci rendono unici e speciali; siamo tutti meravigliosi con le nostre particolarità.

Cercate in voi stessi, trovatele, guardatevi allo specchio e convincetevi del fatto che siete perfettamente capaci di dare inizio al cambiamento.

La paura e l’insicurezza sono degli scalini che dovrete imparare a superare per arrivare in cima, perché la vita è una grande avventura e vale la pena viverla come davvero desiderate farlo.

Nonostante possa sembrarvi quasi impossibile rompere quelle catene, ricordatevi che siete grandi e forti, proprio come un elefante e potete fare anche l’impossibile se solo ci provate, tutto dipende da voi!

Se il passo vi risulta difficile ricordate che potete sempre chiedere aiuto a qualcuno che vi stia accanto, che vi consigli al meglio e che vi prospetti le possibilità che con le vostre forze potete realizzare ed in che maniera aumentare altre attitudini in modo da diventare completamente autonomi di gestire la vostra vita.

 

La coscienza del qui ed ora

 

Il “qui ed ora” è un termine psicologico che si riferisce al presente, quindi le valutazioni devono essere fatte non in base alle paure o fallimenti del passato e non con un futuro che non si conosce.

Per prima cosa la valutazione va fatta quindi con le risorse disponibili nel momento stesso in cui inizierete il vostro cammino di libertà, liberandovi dagli orpelli del passato e senza le paure del futuro.

Per vivere nel presente e per capire ciò che desiderate e che vorreste ottenere o raggiungere, la vostra coscienza dovrà concentrarsi sul qui ed ora.

Vivere nel presente significa vivere quello che vi sta accadendo proprio in questo momento.

Il passato e il futuro sono illusioni, sono nella vostra mente; tuttavia, il passato non esiste più e il futuro non è ancora stato creato.

La realtà è che il domani non arriva mai, è soltanto un concetto che utilizziamo per comprendere la linea del tempo. Un tempo che è adesso, in questo preciso istante.

 

Vivere nel presente potrà cambiarvi la vita

 

Se non vivete nel presente è perché vivete un’illusione. Quante volte vi siete preoccupati o addirittura vi siete sentiti male per qualcosa che non sapevate se sarebbe davvero successa? Quante volte vi siete sentiti in colpa per errori che avete commesso, anche se ormai è passato tanto tempo? Se è quello che vi succede la maggior parte delle volte, è perché vi sentite intrappolati nelle illusioni passate e future.

Vivere nel presente vi aiuterà a migliorare non solo il vostro benessere emotivo, ma anche la vostra salute fisica. Non vivere il presente, invece, li comprometterà entrambi.

Lo stress mentale del vivere nelle illusioni e preoccupazioni avrà un impatto negativo nella salute fisica ed emotiva.

Quando invece vivete nel presente, fate la pace con il vostro passato e non avete la pretesa di controllare il futuro, allora vi troverete nella fase dell’accettazione.

Inizierete così a vedere la vita per quello che è adesso e realmente e non come avreste voluto che fosse.

Quando accettate, vi rendete conto delle cose così come sono. Potrete perdonare voi stessi per gli errori che avete commesso in passato e riuscirete a trovare la pace nel vostro cuore, consapevoli che quello che dovrà accadere, accadrà.

 

A volte è difficile vivere nel presente

 

Ci sono persone che provano un’ansia profonda, perché si fermano per guardare indietro o perché non smettono di prevedere il futuro.

Ma il motivo più grande per cui tanti faticano a vivere nel presente è perché non non smettono di parlare né di pensare.

Parliamo continuamente di noi stessi, ci è molto difficile ascoltare qualcosa che non siano i nostri pensieri e ci dimentichiamo di entrare in contatto con la realtà.

A tutti noi piace inventare storie, raccontarle ed ascoltare quelle degli altri per confrontarle con le nostre. Non è una cosa sbagliata e in qualche modo la vita è fatta di storie.

Il problema comincia quando avvertiamo la necessità di creare storie su ogni cosa e confondiamo tutto.

La realtà non è un concetto, la realtà è adesso. Quando vi renderete conto di questo, la pace sarà già dentro di voi.

 

Liberatevi del passato e cominciate a vivere il presente

 

La cosa peggiore del vivere nel passato o del pensare costantemente al futuro è che si rinuncia al proprio potere interiore.

Se non vivete il presente, rinunciate alla vostra vita, impedite alla vostra creatività di crescere e dimenticate che voi, e solo voi, avete l’opportunità di modellare la vostra vita per raggiungere il benessere emotivo.

Se avete bisogno di apportare dei cambiamenti nella vostra vita per stare meglio, non aspettate e fateli adesso. Solo quando comincerete a camminare, troverete la vostra strada. Se vivete nel passato, sappiate che non potete fare nulla per cambiarlo; se vi preoccupate troppo del futuro, ricordate che non vi è possibile migliorarlo, a meno che non lo facciate adesso, nel presente.

Se dunque volete vivere in pace con il vostro passato e avere un futuro migliore, accettate la realtà in cui vi trovate oggi.

Sembra complicato vivere nel presente, ma quello che dovrete fare è solamente rompere le catene del passato e smettere di prevedere quello che accadrà in un futuro.

Lavorate sul presente e il passato sarà un insieme di bei ricordi, mentre il futuro sarà la strada che state percorrendo.

Ogni percorso che comporta dei cambiamenti è fatto di piccolo passi, ma se essi sono consapevoli sono anche definitivi, nel senso che non vi riporteranno mai indietro ma vi illumineranno la strada per andare avanti , per migliorarvi e per migliorare la vostra vita, sino a raggiungere una condizione di benessere e felicità, ed anche da questo passo non si torna indietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *