Counseling sessuale e l’aiuto nell’intimità della coppia
29/11/2016
Il Counseling funzionale
30/11/2016

Capire se il partner è quello giusto

Ci si innamora anche di persone sbagliate e non adatte a noi, ma quando formalizziamo la nostra coppia volgiamo sapere se il partner che abbiamo scelto è quello giusto oppure no.

Non sempre il nostro attaccamento ad una persona è sinonimo di adeguatezza e di vero amore.

La dipendenza affettiva è una condizione che ci posta a scambiare per amore o innamoramento ciò che nei fatti non è cioè il bisogno morboso di una persona.

Si sceglie un partner troppo spesso per la paura di rimanere soli o di non poter trovare di meglio.

Sbagliatissimo, entrambe queste connotazioni non parlano di amore e sentimento ma di bisogno di compagnia o di considerazione.

Se la nostra priorità è di avere qualcuno accanto prendiamoci piuttosto un cane o un gatto, avremo non solo più soddisfazioni affettive, nessuna delusione, ma soprattutto sarà soddisfatto il nostro bisogno di avere delle compagnia, sempre e quanto vogliamo.

Se amiamo colloquiare apriamo un profilo sui social, il più usato è facebook , è grandioso nel trovare amicizie virtuali, che in alcuni casi han fatto nascere delle conoscenze vere e proprie.

Facebook è utile nel dare opportunità di esprimere idee e trovare delle riposte, delle persone non fisiche con cui colloquiare, compensando in modo rilevante il nostro bisogno di compagnia comunicativa.

Certamente quel vuoto dentro di noi non si può saturare con un fidanzamento od uno sposalizio deciso con troppa sollecitudine e senza valutare veramente la persona.

Trovare un partner adatto a noi e che sia anche la metà che ci completa è un’impresa difficilissima, pochi l’hanno raggiunta, mai per un motivo diverso dall’amore sbocciatocasualmente.

L’esigenza della condivisione diversa dalla mancata corresponsione del sentimento di cui la coppia si alimenta porterà inoltre a cercare continuamente, attirando in mille modo l’attenzione, di avere tamponato quel senso di vuoto, che purtroppo rimarrà aperto e mai saziato proprio perché non si è cercata la causa del problema ma una soluzione inadeguata.

La persona giusta quindi non è soltanto quella che ci fa battere il cuore, di cui non siamo mai sazi e che coltiva le nostre emozioni, è anche quella che ci sa apprezzare, che ci sa ascoltare e che ci conosce come nessun altro.

Sorvoliamo la passione dei primi momenti di pura sensualità, la coppia per sopravvivere ad una relazione che sia fatta di quotidianità, di abitudinalità e di condivisibilità è soprattutto una relazione che funziona, che è appagante e che ci migliora ogni giorno.

Attraverso il partner giusto noi scopriamo degli aspetti che non pensavamo di avere, delle qualità innate e delle modalità di esprimere amore e sentimento che non abbiamo mai conosciuto.

La nostra metà sa anticipare il nostro desiderio, sa prevedere i nostri pensieri e sa benissimo cosa ci piace e cosa no, questo perché ci ascolta attentamente e sa comprenderci.

Se questi aspetti ci mancano, forse quella che abbiamo accanto non è la persona adatta a noi.

Di sicuro non può esserlo chi ci umilia, chi ci disprezza, chi ci critica in continuazione o peggio ci aggredisce.

Non esiste una sberla ingiustificata, non esiste epiteto provocato, se avete subito questo allontanatevi subito da chi non vi ama e da chi non amate.

Questo non è amore, questo è rendersi schiavi di un individuo violento, prevaricatore egoista e menefreghista dei vostri bisogni.

Se non sapete amare e rispettare voi stessi non potete nemmeno aspettarvi che siano altri a darvi tale disponibilità.

L’amore è un sentimento che nasce da dentro, nel nostro animo, ed è positivo, bello, emozionante, meraviglioso.

Se non ha tali qualità non è amore.

Chiamatelo bisogno di compagnia, di sostentamento, di sicurezza, di avere un’immagine sociale corrispondente ai canoni classici, di non sentirsi giudicati e di non essere additati od emarginati, in tutti questi casi però l’amore non c’entra nulla.

Ci sono matrimoni di convenienza che sopravvivono nel tempo, come una buona azienda opera attivamente, ma anche questo significa che avete trovato un partner giusto per la vostra impresa famigliare, ma il vostro cuore rimarrà affamato di un affetto che avete dimenticato e messo da parte.

Non abbiate timore di vivere i vostri sentimenti e non temete la solitudine, i primi sono la benzina della nostra vita e la seconda sa essere asfissiante anche quando siete circondati da una moltitudine di persone se non sono quelle di cui voi avete bisogno e quelle che si adattano a voi.

Se un rapporto è finito male vuol dire che non era la persona per voi oppure col tempo non lo è più stata, ma non abbiate rimorso di ciò che è stato, guardate invece al vostro presente ed al vostro futuro.

La vita è sorprendente e le occasioni spesso sbocciano quando meno ve lo aspettate, e se vi chiedete se è la persona giusta: ascoltate il vostro cuore e la vostra anima, quando entrambe saranno appagate avete accanto la persona che fa per voi.

Non cercate verifiche nell’età, nel ceto sociale, nella razza o nel credo, non esistono barriere o limiti a ciò che ci rende felici perché è proprio così che dobbiamo sentirci quando siamo uniti alla persona perfetta per noi, felici, serene ed appagati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *