Dalla natura tutto ciò di cui abbiamo bisogno

La “mano guidata” e la non volontarietà dello scritto.
23/11/2016
Difendersi dai furti in casa e dalla effrazioni con sistemi economici
25/11/2016

Dalla natura tutto ciò di cui abbiamo bisogno

La natura è la bellezza che rasserena e che ci fa meravigliare.

I panorami sono spettacoli meravigliosi che ti lasciano a bocca aperta, ma non c’è bisogno di andare molto lontano per apprezzare la grandiosità della natura.

Anche in quei fiorellini che crescono spontaneamente lungo i nostri marciapiedi o nei giardinetti pubblici sono bellissimi, sia pure nella loro semplicità, ma incredibilmente belli.

Provate a guardarli da vicino vi sorprenderanno.

La natura ci offre tutto quello di cui abbiamo bisogno e nel periodo giusto, dobbiamo solo approfittarne.

Un’alimentazione il più possibile naturale giova alla salute, sarebbe meglio anche biologica ma sappiamo che purtroppo non ha costi contenuti.

Diamo priorità alle verdure ed alla frutta di stagione perché contengono tutti i principi di cui il nostro organismo ha bisogno per la stagione che stiamo vivendo, energizzanti in primavera ed estate e di aiuto al sistema immunitario d’inverno.

Ma la natura non è utile soltanto nell’alimentazione.

Vivere in modo naturale è uno stile di vita che è sinonimo di semplicità e di armonia con ciò che ci sta intorno e ci aiuta nel benessere fisico e psichico di tutti i giorni.

Io sono fortemente a favore della natura anche nella vivibilità della casa.

I prodotti detergenti neutri e naturali rispettano la nostra pelle, i nostri beni e non causano allergie od intolleranze, che negli ultimi hanno stanno aumentando proprio per la tossicità dei prodotti di uso quotidiano con cui veniamo a contatto.

Sono convinta inoltre che l’ecologico sia la soluzione anche per riscaldare ed ottimizzare la nostra casa.

Avere delle fonti di approvvigionamento attraverso dei pannelli solari permette la produzione di energia elettrica senza allacciamenti.

Purtroppo i pannelli sono strutture ancora troppo costose che richiedono una costante manutenzione, oltre che sostituzione periodica, perché i composti dei pannelli si esauriscono presto e vanno sostituiti.

Però possiamo cominciare dalle piccole cose, ad esempio installare nel giardino o all’esterno della casa delle luci solari, costano un po’ di più delle normali, ma non c’è bisogno di corrente e non ne risentiranno le nostre bollette, in più sono luminose e fanno luce anche d’inverno dato che i raggi solari attraversano anche le nubi ed arrivano alla piastra ricettiva anche in inverno.

Infine c’è un ulteriore utilizzo della natura che mi sta particolarmente a cuore: utilizzare la legna per il riscaldamento della casa.

C’è chi preferisce il pellet per comodità della reperibilità (lo si trova effettivamente ovunque) e per i costi contenuti, sia per quanto riguarda l’acquisto della stufa che dei sacchi del pellettato.

Personalmente preferisco la legna, non solo per il calore più naturalmente “caldo” che sprigiona, ma perché la legna è sempre un prodotto completamente naturale e biologico.

Nel pellet o nei tronchetti viene macinato di tutto, scarti di falegnameria ma purtroppo anche altro come resine, tinture ed impregnanti che sono sostanze tossiche, che noi poi inconsapevolmente bruciamo nelle nostre stufe e respiriamo mentre stiamo in casa.

Il legno sarebbe ottimale, ed anche questo è ormai di facile reperibilità, ed è sicuramente economico se pensiamo a quanto ci costa il metano annualmente per il riscaldamento della casa.

Io sto cercando di realizzare una stufa in muratura che riscaldi interamente la casa.

Qualcuno le chiama stufe tirolesi per via delle ceramiche, ma senza il rivestimento esterno puramente estetico il sistema utilizzato è il medesimo, o le stufe russe usate in Siberia.

In pochi le sanno costruire ma non forniscono né i dettagli del lavoro né i materiali utilizzati, che fanno non poca differenza sul prezzo, così vi tolgono la possibilità di verificare che sia un costruttore esperto o il ciarlatano di turno, e vi assicuro che di questi ultimi ce ne sono veramente tanti per non dire quasi tutti.

Soprattutto in molti si vantano esperti e capaci, ma in realtà esperti non sono e soprattutto incapaci di usare prodotti di qualità, con cui si giocano il costo dell’opera, che opera non è perché puramente assemblati, ma a voi daranno d’intendere ben altro e con caratteristiche di pregio inesistenti.

Fate molta attenzione dunque, vi anticipo che sarà impossibile avere delle referenze da persone che non siano degli amici dei “costruttori”.

Chiedete con schede tecniche scritte cosa intendono costruire e con che materiali e di quale provenienza, se non vi sanno dare tali certezze metteteli alla porta e rivolgetevi a qualcun altro.

La qualità dei materiali è di fondamentale importanza.

Il solo refrattario ad esempio passa da un prezzo di pochi euro al chilo, se non addirittura centesimi, a centinaia di euro, la differenza sta nella resa dei materiali che sarà più che scarsa nei primi ed ottima negli ultimi, infatti soltanto le qualità migliori consentono di mantenere calda la vostra casa con una sola carica di legna anche nei periodi più freddi.

Altro materiale basilare per una stufa tanto potente è la ghisa della camera di combustione che deve essere anch’essa di ottima qualità per non creparsi alle prime accensioni.

Se non potete essere sicuri dei materiali non firmate accordi ed ordinativi, non vi stanno vendendo una stufa in muratura ma una semplice stufa ma con il prezzo della prima, vi costerà molto meno acquistare una stufa nei centri commerciali ed avrete la medesima resa calorifica.

La stufa di cui parlo è il cosiddetto sistema ad IPOCAUSTO utilizzato già nell’antica Roma per riscaldare addirittura ambienti immensi come le terme.

E se tali stufe funzionavano ai tempi della Roma imperiale in ambienti spettacolarmente vasti come le terme ed i bagni pubblici figuratevi in ambienti ridotti come la vostra casa.

Come vedete la natura ci offre delle opportunità non solo di puro piacere personale ma anche di convenienza e di semplice utilizzabilità, sta a noi scegliere di vivere secondo natura beneficiandone al meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *