Definizione del DSA- Disturbo Specifico dell’Apprendimento

Il disagio del bambino disgrafico
27/02/2017
La rieducazione della scrittura
28/02/2017

Definizione del DSA- Disturbo Specifico dell’Apprendimento

Sono dette “difficoltà specifiche dell’apprendimento” quelle difficoltà connesse ad una serie di problematiche inerenti lo sviluppo cognitivo e l’apprendimento scolastico e che riguardano le tre sole abilità che sono la lettura, la scrittura ed il calcolo.

Tale deficit, se non associato ad altra anomalia del sistema sensoriale o neurologico, può passare inosservato nei primi anni di vita e nei primi periodi scolastici in quanto il bambino presenta delle capacità normali se non addirittura alcuna abilità oltre la media.

Nelle Raccomandazioni elaborate dal Consensus Conference del 2007 si evidenzia come la principale caratteristica delle di difficoltà definite DSA consiste nella “specificità” del deficit, cioè nel fatto che il disturbo interessa soltanto uno o più aspetti delle capacità scolastiche delle abilità di ascolto, espressione orale, di lettura, di ragionamento o calcolo matematico, e che hanno carattere ed incidenza significativa, rilevante e determinante dell’apprendimento scolastico, nonostante non si riscontrino sul soggetto alcuni deficit biologici, neurologici o disfunzionalità del sistema generale.

La diagnosi del DSA nasce dunque da una rilevante “discrepanza” tra le capacità intellettive del soggetto, riscontrate come normali e adeguate rispetto all’età e fase evolutiva del soggetto, alla sua maturità ed al generale rendimento scolastico, rispetto a determinate incapacità o difficoltà nell’affrontare determinati specifici compiti quali la lettura, la scrittura ed il calcolo matematico, o semplici attività quotidiane.

Tali difficoltà possono essere rilevate con metodi statistici e scientifici attraverso dei test attitudinali e standardizzati che misurano le capacità di rendimento del soggetto e del suo livello intellettivo e di maturità evolutiva.

Possono, quindi, definirsi come DSA soltanto quelle difficoltà specifiche di lettura, scrittura o calcolo nonostante le rimanenti condizioni cliniche del soggetto siano nella norma ed adeguate al contesto scolastico e sociale.

Le indagini statistiche italiane rilevate sul punto attestano una casistica del 10-15% della popolazione scolastica con difficoltà aspecifiche, generiche o plurime, di questi soltanto il 3-5% dei bambini palesano disturbi specifici da DSA.

Gli studi eseguiti rivelano come nella maggioranza dei casi considerati i bambini abbiano uno o entrambi i genitori affetti da DSA, inoltre i maschi risulterebbero essere più colpiti rispetto alle femmine.

Nel gruppo dei DSA le diverse difficoltà assumono una definizione specifica.

Si parla di DISLESSIA in cui il soggetto presenti delle incapacità nella sola lettura del testo, pur potendo comprendere il significato delle parole, e potendo eseguire una lettura mentale ma non ad alta voce (proprio perché i due tipi di compiti attivano due diversi punti del cervello) che si manifesta con stentatezza, errori fonetici, scambi di lettere, troncamenti delle parole, se il deficit è connesso a fattori dello sviluppo in generale si parla di dislessia evolutiva.

La DISGRAFIA è la difficoltà espressa nella scrittura, nella incapacità a riprodurre correttamente le lettere della parola, nel mantenere uno stile ed una forma adeguata nello scritto, nell’incapacità a mantenere il rigo ed a rispettare margini, punteggiatura, ed investe l’intero contesto spaziale dello scritto.

La DISORTOGRAFIA è una variante della disgrafia e riguarda l’errore nella associazione dei fonemi con i corretti simboli grafici, si manifesta quindi più facilmente quando le lettere si assomigliano sia graficamente che foneticamente ( d invece della b, m al posto della n o della r, ecc.) oppure vengono omesse delle lettere all’interno della parola o non vengono rispettate le doppie quando prescritte.

La DISCALCULIA è l’incapacità di procedere al calcolo e alle operazioni numeriche, al mancato rispetto dell’allineamento e gestione dei soli codici numerici, pur rimando intatte le altre abilità di lettura e scrittura delle lettere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *