Grafologia aziendale: l’analisi del potenziale del personale in azienda

La sindrome di Burnout tipica di chi aiuta gli altri
14/01/2017
L’importanza dei colori nei disegni dei bambini e dei grandi
15/01/2017

Grafologia aziendale: l’analisi del potenziale del personale in azienda

Le persone non possono essere identificate e classificate attraverso un asettico curriculum vitae proprio perché poche righe non possono descrivere il vasto potenziale di una persona.

Le esperienze di studio e di pratica acquisita sono importanti ma non possono determinare e qualificare il potenziale umano della persona che si candita ad un lavoro o che intende avanzare nella carriera attraverso altre mansioni.

Le assunzioni e le gestioni del personale in azienda fatte esclusivamente con la presentazione di una semplice richiesta, anche se munita di doverosi allegati, corrono il forte rischio della mancata conoscenza della persona e delle sue risposte come risorsa in un ambiente lavorativo.

Non dimentichiamo che lo stesso identico percorso formativo non supera l’unicità e la specialità di ogni individuo, pertanto assegnati allo stesso posto o mansione daranno sicuramente dei risultati diversi in base alle loro particolari specificità, attinenze, predisposizioni, interessi e modi di relazionarsi o lavorare con gli altri.

Ogni individuo è una realtà a se stante che si esprime e reagisce, opera e crea in maniera totalmente difforme da qualunque altro soggetto.

Avere dei requisiti curriculari non dettaglia in maniera esaustiva le potenzialità dell’individuo né il suo rendimento all’interno di una determinata equipe lavorativa o in un ambiente aziendale.

In tal modo si corre il rischio di assumere la persona sbagliata per un determinato posto lavorativo o di non massimizzare le sue capacità e attitudinalità, condizione che non favorisce né l’azienda che non riesce ad ottimizzare il risultato di un investimento né il lavoratore come risorsa di potenziale umano.

La grafologia in questi ambiti potrebbe utilmente sopperire a tutte quelle lacune attraverso un’analisi grafologica degli scritti del personale che deve essere assunto o che già si trova all’interno dell’azienda.

La grafodiagnostica delle caratteristiche dell’individuo permette di conoscere quelle particolarità di un individuo meglio di un colloquio lavorativo in quanto è un’analisi approfondita della personalità e delle sue potenzialità oltre che alle predisposizioni.

Nel colloquio le domande sono limitate a questioni connesse o di riferimento per il lavoro, e non è detto che il candidato risponda in maniera veritiera pur di ottenere l’assunzione.

Questo non può succedere nell’analisi grafologica dello scritto in quanto esso è caratterizzato dall’essere un prodotto della mente che non subisce interferenze o influenze che possano condizionare il risultato, quindi sarà sempre assolutamente veritiero e realmente descrivente le condizioni caratteriali, personali, attitudinali e di interesse del soggetto che deve essere valutato.

Inoltre la grafologia sarà in grado di determinare alcune sue qualità importanti per il lavoro che dovrà svolgere come la capacità di lavorare in equipe o di rendere meglio da solo, di saper interagire con gli altri o adatto ad un lavoro di ufficio o laboratorio, se sarà ordinato ed organizzato oppure un brillante venditore per saper sfruttare al meglio le sue doti di socievolezza ed estroversione necessari quando di ha il contatto diretto con il pubblico dei clienti o dei fornitori.

La grafologia aziendale sopperisce alla mancata conoscenza lavorativa di un soggetto fattibile soltanto a seguito dell’assunzione e della successiva valutazione dell’efficienza, che comunque richiede un periodo valutativo abbastanza ampio in quanto le risposte professionali di un dipendente si possono attestare soltanto in un periodo adeguato.

Come descritto in un mio articolo sulla valutazione grafologica delle predisposizioni attitudinali conoscere le proprie potenzialità è importante sia nel momento della scelta del percorso di studio o dell’avvio di carriera, per quanto riguarda l’individuo, sia nell’ambito delle assunzioni e gestioni del personale, per quanto riguarda l’azienda, in quanto entrambi fanno un investimento che può dare grandi risultati e soddisfazioni quando centrato, oppure creare problemi, intoppi, scarsi risultati e disinteresse alle proprie funzioni, lasciando rammarico e scontento da tutte le prospettive o punti di vista.

Ma la grafologia non è soltanto un valido aiuto all’inizio di una professione o di una assunzione, è utile anche per comprendere se la persona si sente adeguatamente inserita, sufficientemente introdotta in un ambiente che sappia valorizzarla al meglio per le sue doti e potenzialità.

Essere inseriti in un ambiente che rispetta la persona e la valorizza porta benefici al soggetto che si sente realizzato e darà sempre il meglio di se stesso ed all’azienda che ha un potenziale umano che è soprattutto una risorsa se ben inserita e coltivata e potere di investimento per le risposte lavorative che saprà prestare.

L’azienda non deve essere vista come un insieme di soggetti perché gli individui, a differenza di qualunque altra risorsa oggettiva o materiale, sono dotati di intelletto ed emozioni che hanno una grande incidenza sul lavoro svolto.

Il lavoro è una modalità di espressione dell’operato umano e come qualunque azione se fatta con passione e dedizione porta a dei risultati imprevedibili, diversamente la negatività e l’inadeguato inserimento di un soggetto potrebbe anche compromettere l’intero ambiente lavorativo.

Per questo motivo è utile una conoscenza personale sia nel momento della scelta del percorso professionale o di studio per l’individuo, sia nella assunzione e gestione del personale o ricollocamento da parte dell’azienda.

Ogni azienda al momento dell’assunzione o del ricollocamento o per semplice valutazione del personale dovrebbe farsi coadiuvare da un grafologo che permette all’attività di valutare quelle predisposizioni del personali che non potrebbero mai emergere da uno schema prestampato o da un curriculum asettico.

La collaborazione col grafologo non prevede l’assunzione del grafologo stesso all’interno dello staff valutativo,  ma solo una sua assistenza e valutazione, in base agli strumenti della grafo diagnosi, nel momento in cui occorre fare la scelta tra la rosa dei possibili candidati.

Un lavoro non impegnativo, con un investimento economico risibile ma che garantisce dei risultati eccellenti in quanto valuta la persona e non la sua carriera od iter formativo attraverso la semplice esibizione di manoscritti, non redatti appositamente se tale fase non è possibile, ma anche delle schede precompilate dove il candidato ha redatto a mono alcuni riferimenti.

Un aiuto quello del grafologo aziendale che può sopperire a delle difficoltà future per non aver sfruttato il candidato ideale nella posizione a lui più consona ed adatta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *