Grafologia della compatibilità ed affinità della coppia

Prima il nome o il cognome?
07/07/2017
Perizie grafologiche giudiziarie: due metodi a confronto
07/07/2017

La grafologia di coppia è uno strumento eccellente per misurare la potenzialità della coppia sia in termini di compatibilità, affinità e reciprocità di carattere o interessi che permettono alla coppia di coltivare un’esistenza fatta di condivisione e complicità.

La grafodiagnosi  delle scritture dei partner a confronto è il metodo più veloce ma soprattutto efficace nella valutazione della coppia e delle caratteristiche essenziali che dalle personalità emergono nel momento del confronto.

Questo significa che l’analisi grafologica dei due soggetti presi separatamente, senza che tra gli stessi vi sia una intesa o una relazione in corso, darà dei risultato completamente diversi dai soggetti che si sono trasformati in coppia dando origine ad un soggetto composto e complesso che non può essere considerato al pura e semplice somma di due personalità: e questa è la coppia.

Grafidiagnosticare la potenzialità di costrutto relazionale è possibile, facile e veloce, ed il resoconto spesso è talmente attendibile che solitamente le coppie che hanno fatto una diagnosi grafologica della loro situazione relazionale trovano degli spunti nuovi mai pensati o valutati in precedenza, che possono essere di stimolo per una crescita o per valutare un eventuale momento di crisi o difficoltà.

Nel link posto all’inizio dell’articolo trovate le spiegazioni su come viene fatta e come opera all’interno della coppia una valutazione della stessa fatta per mezzo della scrittura, che a differenza delle persone non mente mai e non nasconde sotterfugi o realtà.

La grafologia della compatibilità è un settore di estremo interesse ed attualità, ed ha lo scopo di associare i partners in una relazione armoniosa e costruttiva, segnalando gli elementi di affinità, quelli di attrito e le vie di compensazione che la coppia può seguire nel processo di evoluzione dinamica dei ruoli.

Gli aspetti che abitualmente vengono esaminati si riferiscono a differenti livelli di personalità e loro integrazione, quali ad esempio:

  1. Vitalità, forza ed organizzazione personale
    2. La capacità intellettiva ad agire in adesione alle condizioni psico-affettive del momento
    3. Le modalità di gestione personale delle varie funzioni: socievolezza, adattabilità, flessibilità, capacità di rimettersi in discussione
    4. Modalità di gestione e controllo delle emozioni, ricettività e risposta agli stimoli
    5. Sensorialità e sensibilità
    6. Organizzazione della personalità e resistenza agli stress

Il report deve essere stilato con adeguati criteri:

  1. Similarità ed affinità
    2. Differenze ed abilità a conservare la propria individualità
    3. Integrazione
    4. Disunione: tendenza all’isolamento

Altruismo, maturità, motivazioni debbono essere ricercate in entrambe le scritture dei partner.

Perché una consulenza Grafologica delle compatibilità?

Perché attraverso la grafologia delle compatibilità si ha modo di identificare elementi di affinità e di attrito all’interno della coppia, che possono essere compensati durante un processo condiviso di evoluzione dei ruoli all’interno della relazione.

Vengono esaminati aspetti inerenti ai diversi livelli di personalità, come la vitalità, la capacità di organizzazione, la presenza e la capacità di agire, le modalità di gestione personale dei diversi stati emotivi e dei sentimenti, la resistenza agli stress e la sensibilità, la capacità di affrontare problematiche e difficoltà ma anche le semplici complicanze della vita quotidiana.

Quali sono i benefici?

  •  Conoscere meglio le dinamiche di coppia
  •  Valutare gli elementi di affinità e quelli di attrito
  •  Riconoscere l’instaurarsi dei ruoli
  •  Trovare delle vie di compensazione tra partner
  •  Favorire relazioni rispettose della peculiarità di ognuno

Con la grafologia è possibile migliorare la comunicazione all’interno della coppia?

Il sociologo Zigmund Bauman nei suoi studi parla di società moderna “liquida” che produce, anche,  “legami affettivi liquidi“.

Ne ho fatto un accenno nel mio articolo intitolato la società liquida, il consumismo e la precarietà.

Il termine “liquido” viene usato da Bauman per esprimere la condizione dell’uomo moderno che, come tutti abbiamo occasione di sperimentare nella quotidianità, vive in condizioni di incertezza, insicurezza, contraddizione, mancanza di stabilità, isolamento, superficialità.

In un tale contesto anche le relazioni umane e i legami familiari sono immersi in questo stato “liquido” che provoca, nel tempo,  proprio per queste sue caratteristiche non facilmente riconoscibili e contenibili, una smisurata crescita di conflitti familiari e separazioni nelle coppie.

Gli esperti nel campo sono unanimi nel ritenere che uno dei principali fattori che produce il conflitto è l’incapacità di comunicare, che nell’epoca contemporanea scaturisce sempre più spesso proprio dall’evitamento del contatto personale per fretta, paura e,o inadeguatezza.

In aggiunta la mancanza di spazi nei quali confrontarsi, la mancanza del tempo per riflettere, la mancanza di una vera comunicazione che dia spazio anche al conflitto, ma che nel contempo lo sappia anche contenere,  fa sì  in particolare nella coppia, che tale situazione di chiusura possa condurre i partner  a litigiosità esasperata con conseguenze non sempre prevedibili.

La comunicazione quindi è di fondamentale importanza, e la sua mancanza o inadeguatezza può essere addirittura causa della rottura di un rapporto familiare.

Il proverbio “Se vuoi raccogliere il miele, non prendere a calci l’alveare ” ci fa dedurre e comprendere quanto il nostro modo di mostrarci all’altro sia fondamentale.

 Ma quanto può dirci la grafologia sulla comunicazione ?

Come già ricordato, la formazione di una nuova coppia presenta innumerevoli criticità sul piano della relazione e delle sue dinamiche.

Allo slancio iniziale, fatto di aspettative, fiducia, impegno, subentrano spesso per i due partners la routine familiare, le responsabilità per il quotidiano, che specie nella fase iniziale della vita con il primo figlio, possono diventare totalizzanti.

Se i partner non riescono ad affrontare tale nuova realtà con senso di fiducia nelle proprie possibilità e nelle capacità dell’altro,  può presentarsi all’orizzonte un senso di disagio e di frustrazione, spesso nemmeno cosciente ed espresso.

Un primo passo importante, per un cammino positivo insieme, è iniziare un percorso di recupero sia della stima per se stessi sia per l’altro e della capacità di una comunicazione attiva ed effice oltre che crescitiva per entrambe le persone coinvolte.

Ciò può nascere sia dal riconoscimento del proprio carattere e del proprio valore, sia da un contestuale miglioramento della comunicazione, che aiuterà a  far  emergere i propri bisogni affettivi e quelli dell’altro.

In quest’ottica e con questo intento possiamo dire che la grafologia si può definire lo specchio che rimanda la nostra immagine, uno strumento davanti al quale possiamo fermarci, senza paura, per poter riflettere su noi stessi,  e sui rapporti che abbiamo con gli altri e con l’ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *