Obiettivi e metodi della Rieducazione della scrittura
29/03/2017
Il business col coach è Business Coaching
29/03/2017

In un mio articolo intitolato i Vampiri Emotivi avevo descritto questo tipo di persona che si ciba dell’energia degli altri, della loro vita diventando dei parassiti perennemente affamati di attenzioni.

Si tratta di persone disturbate che sperano di compensare il vuoto che hanno dentro rubando l’esistenza degli altri, si intromettono nella vita di queste di persone investendoli come un fiume in piena e vivendo nell’ombra di questi ultimi assorbendo energia, tempo e disponibilità.

I vampiri emotivi non hanno realmente bisogno di aiuto, a parte quello psicoterapeutico, ma semplicemente non sono in grado di vivere per se stessi, da soli, non sono capaci di gestire la loro esistenza ed il loro futuro o di avere una vita soddisfacente, produttiva, per tale motivo entrano nella vita degli altri sperando di costruirne una simbiotica.

Il brutto è che lo fanno abusando delle disponibilità degli altri, con menzogne continue, falsità su tutto, manipolando persone e situazioni pur di apparire sempre i poveri disgraziati, a cui tutti danno contro e per cui la vita è stata infelice, pur di ricavarne un pietoso aiuto

Le persone vittime di tali vampiri sono nella maggior parte dei casi delle persone buone, disponibili, estremamente generose, sempre disposte all’aiuto, all’accoglienza e all’accudimento del prossimo, si preoccupano degli altri e si fanno in quattro per sostenerli e risolvere i loro problemi.

Ma l’aiuto per queste persone non è mai abbastanza, la disponibilità diventa assillante ed il vampiro emotivo entra nella vostra vita in maniera ossessiva ed asfissiante.

L’unico modo per riuscire a salvarsi da una situazione come questa, che diversamente porta allo sfinimento e a vivere una vita di menzogne e falsità, è quello di tagliare i ponti con persone del genere, senza sensi di colpa o ripensamenti, senza farsi commuovere dalla penosità dei loro racconti, perché ben poco corrisponde al vero.

I manipolatori emotivi od affettivi, sono comunque delle persone meschine che agiscono in maniera subdola, falsa, abusando dell’ipocrisia e con dei fini personali ben calcolati, ma si comportano in maniera diversa rispetto ai vampiri emotivi, perché diverso è il loro intento.

I manipolatori sono invece coloro che cercano di coartare la realtà emotiva di una persona al fine di usarla per i propri scopi od interessi.

Mentre nel caso del vampiro emotivo c’è una forma di sudditanza nella vita del prossimo che garantisce loro di avere uno scopo, una vita piena di impegni, un senso concreto del vivere, che è quello di appiccicarsi alla vita di un’altra persona facendola propria come se fosse una simbiosi, il manipolatore tende invece ad indirizzare gli altri verso i propri intenti.

Essi intervengono sul comportamento degli altri convincendoli che è sbagliato il loro modo e che dovrebbero preferire quello suggerito dal manipolatore, cercano di far cambiare idea alle persone che raggirano ottenendo un vantaggio personale ed uno scopo per realizzare i propri fini.

I manipolatori sono persone egoiste ed arriviste, ma non hanno né il carattere né le capacità per fare dei progetti da soli, così usano gli altri, attraverso la menzogna, ingenerando false speranze o aspettative, sia di carattere sentimentale che economico, perché essi si sanno adattare alle persone.

Se sono del sesso opposto diventano sentimentali e cercano di coartare gli affetti illudendo l’altro di essere innamorati o innamorate, di avere delle serie intenzioni e di volersi impegnare in progetti concreti come ad esempio una famiglia.

Se invece l’interesse è quello di trarre dei vantaggi economici sono dei veri e propri truffatori che traggono in inganno il mal capitato sulle loro qualità, attitudini, capacità o validità dei prodotti o servizi resi, ma alla fine non rimane che una semplice e dannosa truffa.

Esistono diversi motivi per cui un uomo o una donna diventano manipolatori, per esempio per paura di non riuscirci da soli, come già anticipato, la paura del giudizio degli altri, meglio fa dunque esporre gli altri, per comodità, per il desiderio di affermarsi, per la fame di denaro e di posizione sociale o per avere un lavoro di prestigio anche se immeritato.

Oltre ad essere dei bugiardi cronici, i manipolatori usano anche altre astuzie.

Abuseranno dell’elogio, sapendo quanto il complimento faccia piacere a chiunque, e c’è sempre chi soffre di vanità e si lascia incantare volentieri.

Altro strumento importante sono le false promesse, indurre delle illusioni e delle aspettative che non verranno mai confermate.

Non si tratta solo di illudere delle malcapitate fanciulle che credevano di aver trovato l’amore invece è il baratro delle delusioni più profonde che abbiano mai incontrato, nel campo professionale le aspettative di guadagno possono indurre le persone a fare dei grossi investimenti, magari usando i risparmi di un’intera vita, rovinando e mandando sul lastrico la povera vittima.

Conosciamo tutti il meccanismo subdolo della Vanna Marchi e della figlia che hanno rubato denaro e rovinato famiglie forse troppo bonaccione o perché speravano che la sedicente maga potesse curare i loro cari dalle malattie incurabili per la scienza.

Ma di truffatori come la Vanna Marchi ce ne sono tanti, anche se urlano di meno e sono impeccabilmente ben vestiti.

Un’altra tattica usata dai falsari di volontà sono i tanti favori e piaceri che vi faranno, come a dimostrare il loro buon cuore disinteressato, ma tali favori sono soltanto uno specchietto per allodole per farvi cadere nella loro trappola.

E ve ne accorgerete appena comincerà a chiedervi qualcosa in cambio, voi per il vostro buon cuore o per il senso di ringraziamento non saprete dire di no, ma ben presto le richieste supereranno notevolmente qualunque favore vi abbia fatto all’inizio.

Quando poi le vittime cominciano ad essere consapevoli delle tante bugie e dei raggiri la reazione dei manipolatori sarà quello di usare il senso di colpa per costringervi a sentirvi una persona cattiva, ingrata e spregevole, continuando però ad approfittare della vostra disponibilità.

Perché i manipolatori come i vampiri emotivi sanno scegliersi le persone giuste, non per la grande intelligenza e sagacia ma perché sanno che quelli che non li manderanno immediatamente a quel paese saranno delle perfette vittime destinatarie dei loro intenti.

Se avete scoperto che c’è un manipolatore nella vostra cerchia di conoscenti, di amici o dei famigliari proteggete le persone che potrebbero trasformarsi in sue vittime, allontanateli il prima possibile e cercate di far ragionare la vittima coi fatti che contesteranno molto bene le tante inutili e false parole o promesse.

Mantenete voi stessi le distanze da queste persone, e se non se ne vanno minacciateli che andrete a denunciare il loro operato dai Carabinieri o metterete in giro la verità sul loro conto.

Il manipolatore non si può permettere che si diffonda nel contesto sociale da lui frequentato la verità su di esso, pertanto il rivelare i suoi intenti è sicuramente una tecnica che li fa scappare, sempre che le vittime non siano a tal punto plagiate da credere più a delle bugie che ai fatti concreti.

Cercate di non reagire violentemente, offendendo o compiendo azioni, come le minacce, che potrebbero ritorcersi contro di voi, se avete dei fatti da denunciare andate dai Carabinieri o dalla Polizia e lasciate che siano loro coi mezzi legali ad intervenire.

Ma tenetevi assolutamente a distanza da codeste persone e non affrontateli direttamente.

Se avete dei dubbi sul fatto che voi, o altre persone a voi care, siete o sono vittime di un manipolatore e non sapete cosa fare, chiedete aiuto a qualcuno che lo conosce, anche se dubito che abbiano amici nel vostro ambiente, oppure rivolgetevi a qualcuno che sia un esperto di comportamento criminoso e diretto al raggiro e che conosca il comportamento di tali personaggi.

Se non riuscite a confutare i vostri dubbi coi conoscenti potete chiedere un consiglio alla sottoscritta, avendo cura di custodire e conservare ogni documento che riguardi tale persona o le persone vittime o coinvolte dal suo comportamento.

Meglio informarsi per un falso allarme o dubbio inconsistente che attendere le conseguenze devastanti che questi personaggi criminosi riescono a procurare alle loro vittime.

1 Comment

  1. chantal ha detto:

    Sono stato fatto da un uomo sulla rete. Era adorabile e innamorato; Sono stato sedotto, poi mi ha detto che aveva una preoccupazione per i soldi e l’ho aiutato. Ho incontrato un uomo, di nome Michel, su Meetic Affinity alla fine di gennaio 2013; ci piacevamo e poi chiacchieravamo su Messenger; si presentò: era un uomo molto buono, educato, intelligente e gradevole; ci siamo scambiati le foto e poi ci siamo apprezzati a mano a mano che i giorni passavano. Ha detto che è stato sedotto da me e poi si è innamorato di me, ha detto parole dolci e piacevoli a me e io ero in paradiso. Poi, otto giorni dopo, mentre viveva a Nantes (44), mi informò che doveva andare in Costa d’Avorio per affari privati; si trattava di recuperare l’eredità della madre defunta; doveva andare lì per sbloccare i fondi. Mi ha chiesto di aprire un conto in modo che il trasferimento ricada su un conto indipendente dalla sua banca personale; Ho aperto un account per lui. Poi mi ha detto che non aveva mezzi di pagamento in loco perché aveva commesso l’errore di portare con sé la sua carta di credito che purtroppo non poteva usare in Africa; e non aveva preso abbastanza soldi. Come mi sono innamorato sempre di più, mi ha ferito e io ero preoccupato per lui così gli ho mandato 8.740,00 euro in contanti mandato da Western Union; mi disse che questo denaro sarebbe stato depositato presso il notaio per il rilascio dell’eredità.

    Poi mi ha detto che il governo ivoriano gli ha chiesto di pagare “un francobollo” di 4500 euro per ottenere questo denaro dall’Africa. Michel conosceva la mia situazione finanziaria perché sono stato disoccupato da alcuni mesi e ricevo solo circa 1000 euro di risarcimento, quindi mi ha detto che dovevo aiutarlo, ma aveva trovato un accordo con il governatore, che gli ha chiesto solo un anticipo di 3.250,00 euro; Gli mandai un nuovo vaglia da Western Union di 3.000,00 euro e con ciò ero completamente rovinato perché usavo i miei risparmi direttamente; Avevo raggiunto il soffitto del mio scoperto permesso. Poi mi ha detto che non poteva raggiungere la sua banca a Milano, che non voleva aiutarlo a mandargli dei soldi perché ne aveva bisogno ancora e ancora per poter trasferire i soldi direttamente nel mio conto in Francia …

    Cominciai a non credere più a quello che mi stava dicendo. L’altezza, lui mi ha mandato foto di lui, ho trovato qualcosa di strano: su una delle sue foto è apparso uno striscione dove ha scritto “bandoo / Massimo Leonardi”; Ero impaziente di vedere su Internet chi fosse questo Massimo Leonardi e quale fu la mia sorpresa di vedere diverse foto di “mia cara”. Sapevo in quel momento di essere stato truffato dai sentimenti. Ho subito denunciato alla polizia ciò che non ha dato nulla ed è grazie al mio ex che ha contattato il suo amico, il signor Bernard Fioles, che ha preso i provvedimenti per metterli a fermarsi perché ero sempre in contatto con questo Michel chiamato che ha facilitato le indagini per fermarli. Fortunatamente sono stato rimborsato oltre al risarcimento. Vi lascio il suo indirizzo email: services_police_interpol@diplomats.com
    In ogni caso, ho imparato una grande lezione e un grande ringraziamento al signor Bernard Fioles perché senza questo signore, sarei certamente sulla strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *