La scrittura è lo specchio dell’anima
08/03/2021
Il narcisista in coppia
16/03/2021

Il pensiero magico è un pensiero positivo che aiuta a ritrovare il benessere e la serenità.

È un pensiero dinamico perché permette di passare da una fase di apatia e depressione ad una fase più solare, positiva e ottimistica.

Ma non solo per chi sta passano un periodo triste o particolarmente sfortunato, anche i momenti “no” di ogni giornata possono creare delle situazioni sgradevoli, dove il nostro umore ne risente portando ansia e paranoia.

È proprio in tali fasi che è utile focalizzare la nostra mente su dei pensieri positivi, ottimistici, di autostima e valore, che influiscono positivamente sulle nostre emozioni diventando così magici.

Riuscire a focalizzare sulla positività non è sempre facile, ma un po’ di impegno da sicuramente dei buoni frutti, l’abitudine in tal senso ci aiuta a ridurre i tempi di reazione e di creazioni di fasi positive.

Per far questo occorre allenare la nostra mente alla positività.

Davanti ad una situazione difficile o imprevista dobbiamo immediatamente reagire cercando una soluzione che si adatti al caso e che risolva il problema, se non la troviamo immediatamente non facciamoci prendere dal panico ma armiamoci di pazienza e di buona volontà, la situazione arriverà di sicuro.

Occorre poi dare una visione del mondo e del quotidiano vivere più ottimistica del solito, se ci mancano delle cose rivolgiamo i nostri pensieri a tutto quello che abbiamo, se desideriamo qualcosa pensiamo che se ci metteremo tanta volontà e perseveranza prima o poi la otterremo.

Se un evento ci priva di qualcosa rendiamoci conto che non è insostituibile e che possiamo sempre trovare un’alternativa.

L’unica cosa che non è facilmente sostituibile sono le persone, che abbiamo amato o che ci sono state amiche, ma anche lì, passata la fase del dolore della privazione, facciamo mente locale a tutte le cose belle che la vita ci ha regalato, i momenti magici da ricordare o le circostanze che nella loro positività ci hanno resi migliori.

Anche in una storia travagliata e finita ci sono dei momenti in cui siamo stati fieri di noi stessi e in cui ci siamo sentiti felici ed appagati, queste sono le sensazioni da ricercare e ritrovare in modo da far emergere soltanto gli aspetti positivi e cercando di dimenticare gli aspetti negativi.

Molto utile in una situazione critica può essere la tenuta di un diario, dove vengono scritte tutte le emozioni che si vivono, andando poi a rileggerle e lavorandoci su come se dovessimo ricostruire noi stessi incominciando soltanto dalle cose buone e scartando quelle non buone.

Altrettanto utile è avere degli obbiettivi, raggiungibili e alla nostra portata, che ci diano immediata soddisfazione.

Quelli impossibili da realizzare sul lungo tempo creano disvalore e senso del fallimento, impedendoci di mettere in atto tutte le nostre potenzialità.

Vivi al meglio e come ti pare, fai ciò che vuoi e non ciò che ti è imposto o dovuto.

La libertà non sta solo nei pensieri ma anche nelle azioni che sono la conseguenza di essi, la loro realizzazione è fonte di immenso piacere ed aumenta la stima di noi stessi.

Il pensiero positivo deve diventare un compagno di vita quotidiano, che ci sostiene in ogni momento critico o di sconforto, e che sa darci la gioia di vivere e di amare noi stessi.

Se la ricerca di un pensiero positivo diventa difficile proviamo a farci aiutare dagli amici e dalle persone care a vedere la positività che sta intorno a noi, scartando le persone negative che vedono sempre il male e che non fanno altro che criticare continuamente e a sproposito.

Tali persone sono da allontanare perché sono fonte di continua insoddisfazione e scontentezza.

Liberiamoci da tutto ciò che è negativo per noi per vedere solo il bello che sta dentro e fuori di noi, sarà sicuramente più facile e fonte di grandi benefici.

Se non bastano gli amici e le persone care potrete sempre rivolgervi ad un professionista che da persona esterna a voi ed alle vostre vicende saprà comprendere come rassicuravi.

Chiedere aiuto anche quando non si ha un problema grave ed invalidante è sempre fonte di benessere, quel benessere che da alla nostra esistenza un sapore diverso, magico e di positività.

Inutile rimanere ancorato a pensieri che creano stress ed ansia, liberiamoci dall’ansia usando la nostra mente meravigliosa e curativa, usiamo noi stessi come fonte del nostro benessere e della nostra serenità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *