In vacanza senza l’ossessione della dieta

L’ossessione di viaggiare: la Sindrome di Wanderlust
21/06/2018
Dieting: l’ossessione per la dieta
22/06/2018

In questo periodo impazzano su qualunque canale mediatico le reclame sui prodotti dietetici che assicurano miracolosi risultati, o ancora peggio, improvvisate dietologhe che postano le foto di persone compiacenti al raggiro, perché è di questo che si tratta.

Non esiste nessuna dieta miracolosa, nessun prodotto che vi fa perdere i chili di troppo in poco tempo, nessun risultato che  si possa mantenere nel tempo.

L’unico rischio, questo si che è assicurato, è che andiate contro ad uno squilibrio organico e a delle carenze alimentari prodotte dal non aver consumato gli alimenti necessari per mantenere in forza il vostro equilibrio.

Col risultato che smessa la dieta assurda vi ritrovate a recuperare non solo i chili di troppo ma ad acquisirne degli altri, questo perché il vostro corpo ragiona separatamente dalla vostra volontà, se lo mettete di fronte a delle drastiche privazioni, essenziali per il metabolismo, grassi compresi, egli alla prima occasione utile non farà che farne più scorte possibile, facendovi ingrassare più di prima.

Inoltre ogni alimento assunto verrà totalmente metabolizzato per fare da scorta, vista la privazione imposta, che scommetto non essere la prima, creando  peso su peso.

Eh sì… perché solitamente le persone che si buttano a seguire tutte le diete più assurde non hanno ancora capito che l’unico vantaggio l’ottengono gli imbonitori o le imbonitrici che vi incantano, dalla tivù, dai social, illudendovi con false promesse e con delle foto a prova fatte a chissà chi, senza alcun riscontro documentale e scientifico che quello che vi stanno propinando non sia dannoso e non sia altro che acqua sporca.

Meditate gente prima di credere a chiunque, la vostra salute è una condizione con cui non si può giocare e sballare l’organismo con delle diete a moda o fatte di beveroni tossici o inutili non fa che innescare condizioni critiche che a lungo andare comportano la malattia del vostro sistema metabolico.

Se volete perdere pochi chili il segreto è semplice ed il risultato assicurato, senza dieta e senza privazioni che vi fanno sognare montagne di cibo la notte.

Basta incominciare una dieta sana povera di proteine difficili da smaltire, come le carni rosse, per optare per quelle con meno colesterolo e quindi facilmente più digeribili, come le carni bianche, il pesce o le proteine vegetali derivanti da tutti i legumi e dalla soia e dai suoi derivati.

Inoltre aumentate il movimento, senza bisogno di sudare per pochi minuti nelle costose palestre, fate delle passeggiate, con passo in po’ più svelto del solito, vi farà bene alla salute, aiutando la circolazione sanguinea, alle relazioni amicali, se ci andate con degli amici, e vi darà benessere interiore, godetevi il panorama, guardate la natura che rigogliosamente vi regala delle meraviglie di tutte le fogge e colori che voi non avete mai notato per la troppa fretta, respirata dell’aria fresca e pulita, i vostri polmoni vi ringrazieranno.

I benefici di uno stile di vita del genere non si riflettono soltanto sul fisico e sul peso ma soprattutto sulla mente e sullo spirito.

Curando il vostro corpo curerete anche lo stress accumulato nel periodo invernale o nel cambio di stagione, perché esiste un tipo di stress che non è collegato a nessun fattore della vostra vita personale ma deriva semplicemente dal cambio stagionale e dall’adattamento che il corpo deve subire al nuovo clima ed alle nuove temperature.

 

L’ossessione del corpo perfetto e magro

 

Il dieting, cioè l’ossessione per la dieta, esplode soprattutto in determinati periodi dell’anno, come l’estate ed in particolar modo le vacanze al mare o lago, dove ci dobbiamo scoprire di più e quindi mettere in evidenza il nostro corpo con tutti i sui difetti naturali ed inevitabili con l’avanzare dell’età.

Invecchiare, ingrassare, avere delle rughe, avere un corpo meno tonico sono fattori naturali insiti con l’avanzare dell’età ed inevitabili, inutile pensare che un lifting chirurgico fermi il tempo e vi restituisca la passata giovinezza.

Il tempo non va indietro, procede imperterrito, tanto vale volersi bene per come si è accettando il cambiamento del nostro corpo ed segni che il tempo vi lascia.

Se avete una serenità interiore ed un benessere psicofisico il vostro fascino ne acquisterà in bellezza e fascino.

La bellezza giovanile sfiora prestissimo, se puntate su quella sarete sempre penalizzati o penalizzate, puntate sull’intelligenza, sulla cultura, sulla capacità di ammaliare e di interessare.

Nell’età matura quel che conta non è vestire ed atteggiarsi da ragazzine per apparire più giovani, e questo vale anche per gli uomini sempre più vanitosi, ma conta l’intelletto, la conoscenza, l’esperienza.

Queste sono le cose che rendono affascinante una persona, diversa dalle altre, che infondono curiosità, interesse ed ammirazione.

Sappiate valorizzare voi stesse/i per quello che siete e per l’età che avete, senza rincorre in maniera ridicola ed inutile ciò che è irraggiungibile, e di sicuro sarete molto apprezzate/i e desiderate/i.

Purtroppo molte persone si fanno influenzare dai media e dai modelli che propongono: nelle reclame o sui social vedete sempre pubblicità fatte da giovani belli ed aiutanti, ma per loro vale la legge naturale che colpisce anche voi.

Solo che voi li vedete belli e la reclame vi illude di poter raggiungere gli stessi criteri fisici, ma sappiate che la maggior parte delle modelle e modelli sono anoressiche ed appena sfioriscono scompaiono dalle copertine, tranne le poche che sanno valorizzarsi per altro, i più cadono in depressione perché la loro vita era tutta concentrata nell’apparire, ma arriva, nel mondo della moda, come nel mondo di ognuno di noi, qualcuno che è sempre più giovane, più bello, più fisicato.

Per restare in auge puntate dunque su altre vostre qualità che vi contraddistinguono, non lo stile fisico e l’atteggiamento mentale che vi rendono uguali a mille altri e pertanto senza nessuna attrattiva, fascino ed eleganza fatta anche di livello mentale e culturale.

 

Lo standard di bellezza ideato dalla moda

 

Nello stabilire un standard di bellezza da sempre hanno contribuito cultura e tradizioni, che nei tempi moderni si sono sostituiti coi media e coi social che spingono ad un modello di bellezza che richiede l’intervento di prodotti e di metodiche clinico estetiche che costano, pertanto la finalità è quella non del benessere della persona ma del marketing di un prodotto e le vendite che il mercato offre.

Ma non si tratta di un’offerta spontanea, che nasce da un bisogno reale e concreto della persona, i bisogni, nell’era moderna e virtuale vengono creati con apposite campagne martellanti di immagini che nulla hanno a che vedere con la realtà ma con l’illusione del bello e del piacere a cui la gente mira, per un sano e potente egoismo e narcisismo, per compensare delle carenze nell’auto stima e nella bassa considerazione di sé.

Insomma, la gente invece di eliminare le loro criticità o problematicità connesse con dei disagi e delle incapacità di piacersi per come sono, per incapacità nello stimarsi e nell’amarsi per come natura le ha fatte, si affidano ad emergenti maghi dell’illusione e della fantasia che creano modelli irreali, irraggiungibili ed una costante insoddisfazione insita nelle persone, che per sanare tali carenze o disagi ricorrono a prodotti cosmetici, prodotti alimentari od interventi chirurgici nella speranza di ottenere quella bellezza esteriore che compensi la mancanza della bellezza e della stima interiore.

L’eccessiva importanza riservata all’immagine corporea è frutto della convinzione, abbastanza fondata, che per essere socialmente accettati bisogna apparire in forma. Le fasce più giovani sono particolarmente vulnerabili a queste immagini mediatiche. Gli adolescenti sono impegnati in un delicato processo di costruzione della propria identità di genere, in cui il corpo gioca un ruolo importante. La percezione del proprio corpo è strettamente legata all’autostima. Sono infatti proprio le ragazze con una bassa autostima ad essere più colpite dal fenomeno (in tal senso gli studi di Kelly e coll., 2005).

Non è soltanto un problema che riguarda gli adolescenti, anzi tali problematiche si stanno diffondendo sempre più nelle fasce dell’età adulta se non matura delle persone, tutti presi dal voler apparire al meglio, aumentare le relazioni sociali e la considerazione del prossimo e quindi anche dell’affermazione di sé.

Gli adulti, che dovrebbero fare da esempio anche ai più giovani, sono carenti di tale attitudine, comportandosi essi stessi come degli eterni adolescenti ancora alla ricerca della futilità.

Gli adulti sono ormai incapaci di gestire la precarietà e la mobilità della competizione pubblica, andando alla ricerca di un parametro quantificabile e controllabile e al tempo stesso carico di valore simbolico.

Il peso è un numero, un para­metro quantificabile, il peso, poi, rimanda all’aspetto corporeo, e non si tratta di un puro rimando soltanto simbolico.

Il corpo è uno strumento pratico di relazione sociale tra i più incisivi.

Con il nostro corpo, con la sua bellezza, ci presentiamo e ci facciamo accogliere e/o respingere, accettare e giudicare dal mondo.

Un bell’aspetto è un buon biglietto da visita, questo è innegabile, ma puntare tutto su quello è alla fine autodistruttivo.

Si tratta di una scelta paradossale perché il controllo del corpo diventa fine a se stesso, in una corsa autodistruttiva in cui l’obiettivo iniziale, la conquista di uno strumento infallibile per poter essere accettati e piacere agli altri, è presto dimenticato a favore della magrezza, che diventa un valore in sé.

L’obiettivo iniziale, la conquista di uno strumento infallibile per poter essere accettati e piacere agli altri, è presto dimenticato a favore della magrezza e della bellezza senza rughe né pancia, che diventa un valore in sé

Allontaniamoci da queste mete che sono puramente illusorie e non danno alcuna garanzia di felicità, per arrivare a piacersi come si è ed amarsi anche con qualche chilo in più o con qualche ruga, che sono sempre un segno di convivialità e di maturità e stabilità.

La bellezza e la giovinezza eterna non esistono, così come non esistono elisir o poltiglie che aiutano a raggiungerla, amatevi per quello che siete e mettete in risalto le vostre qualità, le vostre attitudini e capacità.

Vi assicuro che un bello stucchevole stanca perché non ha nulla da dire, la bellezza interiore di una persona affascina, conturba ed è ammaliatrice.

Se non siete sicuri di queste doti potete sempre chiedere un consiglio ad un counselor che saprà aiutarvi nel trovare in voi le qualità che vi rendono unico ed affascinante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *