Il tradimento fa bene? E poi : dirlo o non dirlo?
23/09/2016
Unioni civili, matrimoni gay…
24/09/2016

La bellezza delle rughe.

Non c’è niente di più bello che vedere negli occhi e sul viso la storia di una persona.

Le rughe fanno parte di noi, del nostro vissuto, della nostra persona, cancellare vuol dire negare di essere vecchi si ma con esperienza con saggezza che purtroppo non si ha a trent’anni.

La maturità ha il suo fascino, il suo carisma, fatto di comprensione, di visioni, di valori vissuti sulla propria pelle, la persona è il risultato delle sue emozioni provate, buone o brutte che siano, ma ne porta la traccia sul viso, perché ha troppo pianto o perché ha spesso riso.

Nasconderci dietro l’illusione di poter nascondere il nostro passato e la nostra età è paradossale, oltre che ridicolo.

La nostra età si legge anche nelle mani, nel collo, nel nostro modo di fare e di pensare.

Un viso deformato sino a sembrare una mongolfiera non regala la possibilità di recuperare il tempo passato, di poterlo fermare o addirittura di tornare indietro.

Non possiamo modificare il nostro passato e la nostra storia trasformando il nostro viso e deformandolo.

Che poi signori e signore mie, non c’è cosa che salta all’occhio come un intervento estetico, perciò non solo non avrete ottenuto il risultato sperato, ma nemmeno la possibilità di nasconderlo.

Amate il vostro corpo ed il vostro viso così com’è, sono lo specchio delle vostra anima, il modo di capire chi siete ora perché siete state tante cose e tante persone insieme, è quello che si vede ora è il meraviglioso composto di emozioni e vissuti che si sono succeduti nella vostra vita e di ognuno di loro non rimane soltanto il puro ricordo.

Il viso invecchiato ma reale è emozione, è la sensazione di aver davanti qualcosa da imparare, qualche segreto di lunga vita e saggezza da rubare.

E poi essere se stessi è così meravigliosamente semplice.

W le rughe perché sono il segno di quanto siamo cresciuti e maturati, e sono il segno del fatto che ancora viviamo senza farci condizionare da degli stupidi stereotipi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *