La proposta e l’anello al momento giusto

L’abito adatto per ogni lavoro
16/12/2016
Innamorarsi a qualunque età
20/12/2016

La proposta e l’anello al momento giusto

La proposta di fidanzamento è una dichiarazione d’impegno molto seria in quanto vincola moralmente il dichiarante all’impegno futuro matrimoniale.

Tali dichiarazioni formali possono essere talmente sentite e considerate che l’impegno può avere anche degli effetti civilistici che è meglio non sottovalutare.

Significa che creare delle aspettative ad una persona che magari investe anche non solo del tempo e della disponibilità ma anche economicamente in previsione di un futuro matrimoniale può diventare una responsabilità.

Pensiamo a chi investe nell’acquisto di una casa o sceglie un tipo di lavoro valutando la prospettiva futura di una convivenza o di una famiglia.

Sono investimenti che non possono essere sostituiti o modificati con una semplice rinuncia dell’acquisto della casa o con la richiesta di avere quel posto di lavoro che ormai è stato assegnato a qualcun altro.

Ogni volta che progettiamo il futuro con una persona dobbiamo essere anche consapevoli che ad esso le scelte professionali o di vita devono adeguarsi ed adattarsi, e che la rinuncia dell’impegno non riporta la condizione della persona nel medesimo status quo ante.

Ogni scelta ed ogni nostra decisione ha degli effetti non soltanto sulla nostra vita ma anche su quella degli altri, e così via con una serie di conseguenze che si possono allargare espandendosi intorno a noi, anche se non ne abbiamo mai valutate le conseguenze effettive.

Solitamente un impegno formale del fidanzamento presuppone la conclusione, salvo imprevisti, nella scelta dello sposalizio, poco importa se il rito viene celebrato in Chiesa oppure no.

Quindi la proposta di fidanzamento va fatta quando le intenzioni sono più che serie ed il periodo di fidanzamento è solo una fase in preparazione dell’evento.

Se siete titubanti o avete delle remore meglio attendere e verificare col tempo e l’esperienza se tale intenzione matura oppure svanisce in una scelta relazionale diversa.

Si può rimanere anche eterni fidanzati, tutto è possibile purché ci sia il consenso e la consapevolezza del partner in questa scelta.

Fare una dichiarazione di fidanzamento presuppone dunque che siano state verificate determinate condizioni quali la solidità del rapporto e l’intenzione della coppia di stabilizzarsi attraverso delle formalità che sono il fidanzamento ufficiale ed il successivo matrimonio.

Sembrano precisazioni assurde eppure vi è ancora chi formula tale proposta senza tener conto degli eventuali risvolti soprattutto in termini di aspettativa, ed a parte disattendere le speranza del partner mancando agli impegni, si rischia di vedersi formulare dall’altra parte una richiesta risarcitoria per il mancato impegno nell’atto conclusivo.

Le aspettative dell’altro o dell’altra devono essere conformi alle intenzioni, quantomeno non fuorviate da progetti che non si intende realizzare o vi è ancora del fondato dubbio nell’attuarli.

Per quanto riguarda l’agognato anello di fidanzamento è buona cosa sapere che anch’esso corrisponde a delle aspettative.

Vi sono donne pratiche nel loro vivere quotidiano che intendono tale regalia totalmente superflua ed irrilevante, se non  addirittura non consona alle idee ed alla filosofia di vita, quindi sarebbe da evitare se l’ottica non è prevista nello stile.

Dall’altra parte vi sono donne che desiderano il gesto per la formalizzazione dell’impegno amoroso, in ossequio ad una cultura ed una tradizione antica.

Anche in tal caso il regalo quando è correlato da determinate aspettative impone delle precise responsabilità.

Molti malumori all’interno della coppia nascono perché ad esempio il compagno non riesce a comprendere il valore non solo morale ma soprattutto emotivo del poter ricevere un anello di fidanzamento.

Diversamente è meglio assicurarsi della giusta considerazione del regalo e dell’impegno che rappresenta prima di buttarsi in un acquisto solitamente impegnativo.

Soprattutto occorre valutare che effettivamente vi sarà il consenso ad una eventuale convivenza o matrimonio.

Non potete immaginarvi quanto queste mancate conoscenze del punto di vista del partner possono essere motivo di dissapore se non addirittura delle drastiche rotture, perché dal passo dichiarato e dalle aspettative insinuate nell’altro non si può più tornare indietro e difficilmente le spiegazioni successive potranno risolvere quella condizione che va oltre alla semplice definizione di meri errori valutatiti o diverse considerazioni dei gesti e dei progetti.

Mai dunque azzardare un passo se non si ha una buona dose di certezza sul come verrà considerato.

Un ultimo consiglio per chi volesse acquistare un anello di fidanzamento: meglio informarsi prima tramite amici o conoscenti dei gusti della vostra compagna, noi donne in fatto di stili e modelli siamo terribilmente esigenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *