Il corpo centrale della scrittura e l’Io egosintonico
28/03/2020
Un po’ di sano narcisismo fa bene
29/10/2020

L’amore è una cosa meravigliosa quando è corrisposta, ed immensamente appagante, ed è, per chi lo vive serenamente, una condizione di coppia che crea momenti di crescita e di consapevolezza personale e non.

Ma quando non lo è diventa un vero problema per chi patisce le pene amorose senza essere contraccambiato.

Chi patisce tale stato è immensamente frustrato, il ricordo e l’illusione diventano una spirale di stati di angoscia e sofferenza che trascinano la persona in un baratro senza fine, una condizione personale di sofferenza ineguagliabile, perché nessun patimento è tanto devastante quanto un amore che non viene contraccambiato o lo è in maniera dolorosa.

Cosa fare in queste situazioni che in molti casi vengono trascinate per molto tempo se non per anni, lasciando, chi ne soffre, nell’illusione che corrode senza alcun tipo di sollievo.

L’unico modo per salvarsi da tale calvario è usare la ragione e la razionalità per riuscire a smitizzare la persona amata, che viene spesso resa tale da parte di chi si illude e crea un personaggio che spesso non corrisponde alla realtà.

Ed è proprio questo il punto.

Il mancato amore e l’impossibilità di concretizzare il sentimento con una conoscenza pratica e di vissuto concreto fanno si che l’immaginario crei un partner che non corrisponde alla realtà.

Questo significa che quando non abbiamo la possibilità di convivere di fatto un rapporto, l’altro o l’altra diventa un mito, una persona perfetta che in modo ineguale appaga perfettamente i nostri desideri, creando così l’idea di una persona e di una storia idealizzata e mai concretizzata.

Tutti i grandi amori della storia e di quella personale di ognuno di noi (nessuno ne è immune) ha avuto un amore che non si è mai concretizzato, lasciando la persona nell’oblio di un sogno, un immaginario che non corrisponde al concreto ma solo ai nostri desideri.

In pratica la nostra mente coltiva l’illusione di un soggetto e di una storia sentimentale senza aver nessun riferimento o corrispondenza pratica.

Questo stato induce l’innamoramento a diventare un’ossessione eterna se non estesa nell’arco di molti anni, impedendo di fatto di essere pienamente disposti a recepire i segnali che ci vengono dal mondo esterno e di entrare in contatto amoroso e sentimentale con le altre persone, che vengono immediatamente messe a confronto con l’immaginario reso perfetto e quindi scartate a priori.

Il rischio che si corre è appunto quello di vivere di illusioni che non hanno una corrispondenza nel reale.

L’unico modo per risolvere tale impasse è quello di essere razionali e portare i pensieri a vivere la realtà ed i fatti concreti anziché gli abbagli.

Utile sarebbe quello di confrontarci con gli altri, quelli che sono estranei e non coinvolti e quindi non condizionati dai desideri ed aspettative che spesso non esistono.

Ancor più utile sarebbe chiedere aiuto a persone che nella loro professionalità hanno a che fare tutti i giorni con disagi simili, e quindi possono facilmente ricondurre la persona frustrata da un amore impossibile a mettere i piedi ben saldi per terra e riportandola a vivere il quotidiano con maggiore concretezza, liberandosi così da una storia amorosa mitizzata ed illusoria.

What do you want to do ?

New mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *