L’Intelligenza Emotiva e le sue applicazioni pratiche
04/04/2017
Dalla parte dei fratelli della disabilità
05/04/2017

Il termine Leader deriva dall’inglese to lead che significa dirigere, guidare, il leader di conseguenza è colui che riesce a dirigere e guidare un gruppo di persone che diventano suoi seguaci.

Il concetto assume il suo pieno significato nell’ambito socioculturale in cui viene utilizzato, così il Leader politico è colui che a capo di un determinato partito o a capo del governo ne amministra le veci e diventa il suo rappresentante o referente diretto.

Il leder sportivo in una squadra è colui che non è solo un campione vincente per se stesso ma riesce a spronare gli altri appartenenti al suo gruppo verso le vittorie, incitandoli a dare il meglio.

Il leader di un gruppo di giovani sarà colui a cui tutti, amici, compagni di scuola, faranno riferimento, seguendolo nelle idee, nelle mode e nello stile, atteggiandosi come lui.

Essere leader in una determinata sfera della vita o campo non significa esserlo però su tutti i fronti, infatti si distingue il Leder locale da quello globale.

Il Leader Locale : è un leder che esercita il suo carisma nell’ambito in cui eccelle, il leader sportivo lo sarà verso la sua squadra ma non in altri ambienti, ad esempio lavorativi o famigliari.

Questo significa che la sua abilità di leader è strettamente connessa con la sua abilità sportiva ma che senza quest’ultima si sente, fuori campo, come tutti gli altri e perde la capacità attrattiva.

Il Leader Globale : è un leader che sa esserlo in qualunque cosa faccia ed in qualunque ambiente opera in quanto il suo è un vero e proprio stile di vita ed un modo di essere.

In questo caso ci troviamo di fronte al un leader vero e proprio, nel puro senso del termine, perché non importi se egli sia eccellente in un ambiente oppure no perché la forza delle sue idee sapranno spronare ed accattivarsi gli altri anche se non è il campione indiscusso della squadra.

La capacità di esprimersi nell’ambiente ed a contatto con le persone, nel suo esercizio quotidiano, negli impegni che gli competono definiscono la sua Ledership, che è l’aspetto pratico visibile, tangibile del carisma del leader e che lo contraddistingue come capo spirituale, capo carismatico, capo politico, capo referente e capo dirigente.

La ledership è la creazione dei seguaci, degli adepti, di coloro che condividono le idee del leader ed a questo hanno deciso di associarsi per farsi indicare la strada da seguire o le cose da realizzare o i progetti da portare a termine.

Per comprendere alcuni aspetti connessi alla posizione di leader lascio il link di articoli che trattano l’argomento.

Autorità ed autorevolezza

Come agisce un capo e come agisce un leader

Diventare un leader con il Counseling

Ora veniamo al significato del termine carisma e del legame che può avere con un leader.

Il termine carisma denota la capacità di esercitare una forte influenza su altre persone, è una dote magnetica che esprime la capacità di attrarre le persone, convincerle, senza dover insistere, persuaderle ed affascinarle.

Le caratteristiche con cui si esprime il carisma sono le seguenti.

Il potere

Il potere del carismatico non deriva da una posizione sociale, da un agio (avere ampia disponibilità economica o prestigio personale, e nemmeno di tratta della forza di un ruolo o di una funzione esercitata sul lavoro) quindi non è un potere derivante da fattori esterni alla persona.

Anzi, semmai per il carismatico è proprio l’inverso perché essendo consapevole del suo potere personale sulle persone non abuserà mai di tali vantaggi, se non in casi in cui il carisma si associa con la cattiveria e la crudeltà d’animo di una persona che è negativa (purtroppo succede e la storia né è testimone con tanti tiranni dittatori responsabili di genocidi).

Solitamente il carismatico è una persona umile e semplice proprio perché cosciente della propria forza e del suo prestigio sugli altri dato dal suo valore, dal credito che riscontra e dall’apprezzamento e considerazione altrui.

Egli non ha dunque bisogno di dimostrare la sua grandezza con arroganza, presunzione, alterigia, superbia tipica invece delle persone deboli, insicure e con una bassissima stima di se stessi che sperano di compensare con un’opinione eccelsa derivante dall’esterno.

 Il carisma è una sicurezza interiore, che nasce dalla mente e dal cuore, dalla piena consapevolezza di sé e grande conoscenza empatica degli altri, tale sicurezza e capacità di dominare ogni situazione si legge nel comportamento di una persona, nella sua compostezza, nel linguaggio corporale e nella comunicazione non verbale che il suo corpo trasmette anche senza bisogno di parole.

Non esistono trucchi sul carisma perché non si può fingere di averlo, l’insicurezza verrebbe tradita da tic ed atteggiamenti corporei che confermerebbero il contrario.

Il carisma è qualcosa di innato, insito nella persona, però si può imparare acquisendo stima in se stessi e capacità di autodefinirsi e di essere assertivi, senza temere il giudizio degli altri o attenderlo per capire come si deve vivere o pensare.

La persuasione

La persuasione come il potere è qualcosa di spontaneo nel carismatico e consiste nella capacità di convincere e persuadere il pubblico o un gruppo della validità delle proprie opinioni o idee.

Il carismatico è un trascinatore di folle non perché è un incantatore, un’ipnotista, ma perché sa comunicare, sa esprimere dei concetti parlando col cuore o muovendo il corpo in modo da essere credibili.

Perché i gesti della falsità sono riconoscibili da molti, anche se non sono degli esperti, perché il nostro cervello invece è capace di analizzare certi comportamenti ed atteggiamenti e di decodificarli anche se noi mosciamente non ne siamo sicuri, ma spesso percepiamo quella vocina che dentro di noi ci suggerisce delle sensazioni.

Quella è la nostra coscienza che comunica con la parte razionale del nostro cervello affinché il pensiero venga elaborato in maniera chiara non rimanendo al semplice stadio della sensazione.

Dalle spiegazioni dei due termini essi appaiono complementari, tanto da poter definire il leader come colui che ha carisma ed il carisma la caratteristica che caratterizza il leader.

Possiamo quindi dedurre che quando una persona è un leader è necessariamente carismatica.

Come altre qualità personali alcuni individui ne sono consapevoli e sanno sfruttarla si spera sempre per far del bene al prossimo, ma chiunque può acquisirle perché sono doti che nascono da una profonda conoscenza di se stessi, delle proprie emozioni e dalla capacità di saperle gestire nel modo e coi tempi giusti.

Non tutti diventano dei grandi leader, ma dei leader sicuramente nel loro ambito di vita e di esperienze, basta solo crederci e nel caso affidarsi ad un esperto di Counseling che sappia amplificare le qualità e le potenzialità che sono dentro ognuno di noi, a volte vanno esplorate e coltivate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *