Le domande impossibili dei bambini.
15/12/2016
L’abito adatto per ogni lavoro
16/12/2016

Nell’intimità si parla poco

Il letto è il luogo dove dovremmo essere tutti più disinibiti eppure diversi sondaggi dimostrano che nel sesso la comunicazione patisce delle difficoltà.

Anzi sono più le donne ad essere timorose nell’esprimere desideri e piaceri rispetto all’uomo che invece appare più disinibito, ma spesso non nel letto coniugale.

Se con partner occasionali le richieste maschili non incontrano ostacoli, nel rapporto con la propria moglie invece sorgono forme di ritrosie mai manifestate in precedenza.

Senso di vergogna e pudore, timori a rivelare desideri erotici o semplicemente comunicare la modalità o il contatto che più stimola ed eccita, difficoltà ad esprimere voglie, pratiche e modalità di come si vorrebbe il rapporto.

Non si tratta soltanto delle problematicità connessi a desideri particolari o richieste di incontri sessuali piuttosto anomali o inusuali, stiamo parlando del semplice sesso che dovrebbe esserci in una coppia che comunica con disinvoltura desideri di pratiche, posizioni, atti, combinazioni o semplicemente l’inserimento di oggetti sessuali se non addirittura partner estranei alla coppia stessa.

Se il desiderio fa parte di una ricerca del piacere ed entrambi i partner che conoscono le esigenze del compagno sono non solo consenzienti ma anche desiderosi di attuarli, le pratiche sessuali dovrebbero diventare quotidiane e solite come qualunque altra abitudine della coppia, come per esempio cenare insieme.

Il condividere un pasto è già di per se un gesto molto intimo e seduttivo, eppure a tavola non esistono limiti alle provocazioni ed alle allusioni.

Sembra che la complicazione intervenga nel solo lato pratico.

Cioè, fin che si parla di sesso le coppie sono alquanto disinibite, la fantasia non ha limiti se è semplice provocazione, ma quanto il rapporto diventa concreto passando dalle parole ai fatti sembra che intervenga una serie di tabù moralistici che impediscono un dialogo aperto e privo di inibizioni.

E questo diventa un limite del rapporto intrapersonale della coppia stessa in quanto non poter comunicare al partner un proprio desiderio sessuale, una pratica o l’utilizzo di giocattoli diventa fortemente castrante della comunicazione stessa della coppia.

La sessualità fa parte della relazione come qualunque scambio affettivo ed emotivo, porre dei limiti significa non poter vivere la coppia in modo sereno ed appagante.

Non abbiate dimori a raccontare le vostre fantasie erotiche al partner, potrebbe anche stupirvi nell’apprezzarle o nel proporle lui stesso altrettante, rendendo il vostro menage meno noioso e pedante.

Non c’è sistema più deleterio in una coppia che non comunicare i propri pensieri e desideri.

Nella peggiore delle ipotesi potreste avere un diniego sulla proposta, ma sono sicura che invece una rielaborazione che accontenti entrambi potrebbe essere invece l’opportunità di rendere fantasioso, giocoso e comunicativo il vostro rapporto affettivo e sessuale.

Mai tacere un desiderio, potreste perdere l’occasione di conoscere meglio il vostro partner e voi stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *